“Bio è morto”: l’agricoltura biologica tra realtà e immaginario

Nei giorni scorsi ho letto con piacere e interesse “Bio è morto”, il pamphlet scritto da Felice Modica, agricoltore e giornalista siciliano, e pubblicato da “Il Giornale” nella rassegna “Fuori dal coro”. Il libro esce in un momento in cui il tema dell’agricoltura biologica è particolarmente ricorrente a seguito della discussione in corso al Senato…

Benvenuti nell’era delle macchine viventi

A fine aprile, la rivista scientifica Science ha pubblicato una presentazione molto favorevole di “The age of living machines“, libro scritto dalla neurobiologa americana Susan Hockfield, scienziata molto nota anche perché è stata la prima donna e prima “biologa” a ricoprire il ruolo di Presidente del prestigioso Massachusetts Institute of Technology. Il libro mi ha incuriosito…

Rotten: la verità sul cibo può essere dura da digerire

Nei giorni scorsi ho guardato con grande interesse la serie intitolata Rotten (trasmessa da Netflix), in cui vengono indagati alcuni dei principali problemi legati all’industria alimentare americana e globale. A produrlo è la Zero Point Zero, che gli appassionati del genere hanno già apprezzato in diversi format gastronomici di successo, tra cui quelli che hanno contribuito…

Sustainable: un film banale che non racconta il futuro del cibo

Nei giorni scorsi ho guardato “Sustainable“, film del regista Matt Wechsler, che affronta il problema dell’agricoltura convenzionale negli Stati Uniti e delle conseguenze ambientali della produzione alimentare in termini di inquinamento delle acque da fertilizzanti e pesticidi. Il film, di cui potete vedere qui sotto il trailer, è passato per ora quasi inosservato in Italia. Il messaggio…

Un passato da ambientalista, il futuro per rimediare: alcuni spunti dalla lettura di “Seeds of Science” di Mark Lynas

Il dibattito sugli OGM è oggi più che mai attuale alla luce delle enormi potenzialità delle nuove metodiche di editing del genoma (qui una recente analisi pubblicata dalla rivista National Geographic). E’ quindi interessante capire come queste innovazioni tecnologiche saranno percepite e valutate per provare a verificare quali future applicazioni saranno ritenute lecite. Ad essere…

Il verde urbano tra valore estetico, naturalistico e culturale

Da qualche mese è disponibile in italiano il quarto volume di Fredrik Sjoberg, autore molto noto in Italia per il suo libro best seller “L’arte di collezionare mosche” (su Pikaia ne avevo parlato qui). L’ultimo libro, dal titolo “Perché ci ostiniamo” (edito da Iperborea), è decisamente diverso dai tre volumi precedenti (L’arte di collezionare mosche,…

La vita segreta dei semi: il fascino dell’evoluzione di ciò che mangiamo

Nei mesi scorsi ho letto con grandissimo piacere “A cena con Darwin” (su Pikaia ne ho scritto qui) e ho scoperto con grande piacere un autore di cui non avevo mai letto nulla prima: Jonathan Silvertown. Professore di Ecologia evoluzionistica presso l’Institute of Evolutionary Biology dell’Università di Edimburgo, Silvertown è autore di numerosissimi articoli scientifici…

Quale agricoltura per i territori montani?

Nei giorni scorsi ho letto l’affascinante biografia di Louis Orellier, curata da Irene Borgna e di recente pubblicazione per Ponte delle Grazie, in collaborazione con il Cai.  “Il pastore di stambecchi” affronta molti temi di grandissima attualità, grazie al fatto che Orellier  ha vissuto la montagna con molteplici ruoli, avendo lavorato come contrabbandiere, manovale, boscaiolo,…